Lo chiamano il “giardino botanico d’Europa” e a ragione: il Monte Baldo – le cui pendici s’innalzano dalle tiepide sponde del Garda –  ha una flora eccezionalmente ricca e varia

La vegetazione del Monte Baldo

Dalla tipica vegetazione mediterranea fatta di olivo, vite, leccio, cipresso, oleandro, alloro, agrumi, si sale fino ai boschi di castagno, per arrivare ai querceti e al pino silvestre. E poi, sopra i 1000 metri, compaiono pascoli e boschi di faggio, oltre gli 1800 ecco la fascia “boreale” della prateria alpina e infine, tra le vette più alte che sfiorano i 2200 metri, regna l’ambiente delle rocce.

Il Monte Baldo chiamato anche Giardino d'Europa

Per celebrare questo meraviglioso ecosistema è stato istituito l’Orto Botanico del Baldo (località Novezzina di Ferrara di Monte Baldo).

L’orto Botanico del Baldo

L’Orto, che si trova a 1.232 metri  di altitudine su un’area di 20.000 metri quadrati, è lo specchio della stupefacente ricchezza del Monte Baldo. Ciò che lo differenzia dai tradizionali orti botanici alpini è che vi sono raccolte solo le specie autoctone: oltre 700 quelle già piantate, ma il numero è in continua crescita. Anemone del Baldo, Aquilegia, Asfodelo, Bucaneve, Campanellino, Dafne, Genziana, Genziana maggiore, Genziana gialla, Giglio rosso, Giglio martagone, Mughetto, Nigritella, Narciso, Orecchia d’orso, Peonia, Pulsatilla, Rododendro, Rosa di Natale, Scarpetta della Madonna, Stella alpina…questi solo alcuni dei rari fiori che -soprattutto in primavera – lo rendono un tripudio di colori e profumi. Sono circa una ventina le specie floreali tipiche o esclusive del monte Baldo, che perciò portano l’appellativo di “baldensis”, in quanto proprio qui sono state riconosciute per la prima volta: un’ulteriore testimonianza dell’importanza naturalistica di questa zona.

Uno spettacolo unico, a cui fa da sfondo l’azzurro intenso delle acque del lago.

Un paradiso per gli escursionisti

Non solo. Il Monte Baldo è un paradiso per gli escursionisti, grazie alla fitta rete di sentieri che, da quote spesso modeste, portano a vette che superano i duemila metri. Per chi vi vuole salire velocemente, e con poca fatica, per poi avventurarsi lungo i sentieri in quota, la futuristica funivia di Malcesine, con le sue cabine rotanti e panoramiche, porta in pochi minuti dagli ulivi e limoni delle sponde del lago ai panorami montani del massiccio; dall’alto, la vista sul Garda è veramente spettacolare.

Ulteriori informazioni utili +39 045 6247288 / +39 345 6990389
Photo credits: Francesco Trentini https://instagram.com/fjt6913/