Curiosità su Riva del Garda

Ma lo sapevate che Riva del Garda è la città con il porto sul lago più grande d’Italia? Ebbene si, questa cittadina di quasi 20.000 abitanti detiene quest primato! Situata sulla sponda trentina del lago di Garda, Riva è caratterizzata da un centro storico molto più simile a quello di una cittadina di mare del Mediterraneo che non a quello di un centro montano ed con molti edifici storici e chiese: le sue origini risalgono a lontani passati, origini che le permisero di diventare un punto strategico di primaria importanza per il controllo sul lago.

Un breve tour culturale per Riva del Garda

Antonio Briziarelli Riva del Garda

Punto di partenza è piazza III Novembre e senza dubbio il centro nevralgico della città, dove turisti e cittadini s’incontrano nel loro tempo libero. E’ qui che il porticciolo e il centro storico s’incontrano per formare un panorama difficile da dimenticare: la piazza si apre sul Palazzo Pretorio, sul Palazzo Municipale, risalente al XIV secolo e la Torre Apponale alta ben 34 metri da dove si può ammirare un bellissimo panorama. Il tutto circondato da porticati medievali che rendono la piazza uno scorcio fantastico.

La Rocca di Riva del Garda e il Museo MAG

Girovagando per le viuzze si raggiunge il castello medievale, chiamato anche la Rocca. Testimonianze di questo castello risalgono al 1124, anno in cui la comunità rivana riuscì ad ottenne il permesso di edificare un castrum novum sulle rive del lago. In un secondo momento,  la Rocca diventò il simbolo del potere militare: luogo dove si esercitava il potere delle Signorie dominanti. Oggi è la sede del Museo Civico, conosciuto meglio come il MAG Museo Alto Garda; dove è possibile ammirare importanti testimonianze storico-artistiche della zona e con una sezione archeologica che comprende le celebri statue-stele dell’età del rame, oltre a testimonianze dell’età romana. La Rocca è anche sede della pinacoteca, con opere fra gli altri di Pietro Ricchi, Francesco Hayez e Vincenzo Vela.

Chiesa dell’Inviolata a Riva del Garda

Dalla Rocca, percorrendo sempre le vie del centro, si arriva alla chiesa dell’Inviolata, passando attraverso la Porta di San Michele, una delle tre che un tempo sorvegliavano l’entrata in città e che metteva in comunicazione la cittadina con l’esterno. Fu costruita durante il corso dell’Ottocento e sopra di essa fu costruita la torre campanaria della vicina chiesa parrocchiale. La chiesa dell’Inviolata è appena 5 minuti da qui. Risalente alla prima metà del Seicento, il suo interno mette in mostra tutta la sua bellezza barocca. Un particolare: la chiesa non ha la classica pianta a croce ma piuttosto pianta quadrata, all’interno ottagonale con cinque altari, tre porte, area volta con affreschi e stucchi, confessionali di legno scolpito, pavimenti di marmo. Io consiglio vivamente di andarci: dall’esterno può sembrare una chiesetta anonima ma una volta entrati, si apre un mondo e spero che anche quando ci andrete voi, ci sarà il signore che ho incontrato io e vi spiegherà tutte le sue scoperte a riguardo!

Il Bastione di Riva del Garda

Per finire, a tutti quelli che hanno voglia di camminare, il Bastione è il giusto mix tra natura e cultura: è posto sulle falde del monte Rocchetta e uno dei simboli di Riva del Garda. Raggiungibile senza grandi difficoltà, la si raggiunge grazie ad un sentiero che sale fino a 200 m d’altezza per poter ammirare questo complesso fortificato costruito all’inizio del 1500 dalla Repubblica Veneta per controllare il suo confine che all’epoca arrivava fino a qua. Per chi se la sente, il sentiero prosegue in maniera più ripida e che porta alla chiesa di Santa Barbara e alle cime più alte della Rocchetta.

Buona scoperta di Riva del Garda!