Soave: borgo più bello d’Italia 2022.

Soave, borgo più bello d'Italia 2022, è la meta ideale per soddisfare vista e palato, immergendosi in secoli di storia. Scopriamolo assieme!

Soave, uno dei borghi più belli d’Italia, è stato eletto “Borgo dei Borghi” proprio quest’anno. Immerso nelle dolci colline fra i Monti Lessini e la Val d’Adige, è famoso per il suo omonimo vino bianco: soave, è proprio il caso di dirlo, sia nel colore che nel profumo. 

Questa cittadina di aspetto medievale, ma di origini ben più antiche, è sovrastata da un magnifico Castello Scaligero. Le sue mura, perfettamente conservate, scendono il declivio abbracciando l’intero centro storico: il panorama mozzafiato e l’atmosfera suggestiva, vi spingeranno a volerlo visitare, scoprendone ogni pertugio.

Secoli di storia caratterizzano anche la produzione del vino, il prodotto tipico di Soave per eccellenza, celebrato e festeggiato in numerose sagre, manifestazioni e rievocazioni storiche. Si tratta di una lunga tradizione che viene oggi riconosciuta da ben 4 riconoscimenti DOC. Se amate il vino, è imperdibile una visita fra le varie cantine del territorio.
Ideale per una gita di un giorno dal Lago di Garda o Verona, Soave è una meta storica e romantica che vi conquisterà!

Cosa vedere a Soave.

Il centro storico: le mura scaligere , il duomo e i palazzi.

Il primo impatto che si ha con il borgo di Soave è sicuramente quello con le imponenti mura che lo recingono. Costruite nel 1369, durante la dominazione di Cansignorio della Scala, anticamente avevano solo tre porte per dare accesso al paese: Porta Aquila, Porta Vicentina e Porta Verona che dà l’ingresso alla bellissima via principale del centro storico, via Roma, punto di riferimento per girare fra i pittoreschi vicoletti.

Duomo di San Lorenzo Martire.

La sua facciata è in stile rinascimentale, con colonne ioniche e scalinata in marmo rosso di Verona. Il tempio è a una navata, con altari barocchi e pregevoli dipinti; il campanile è in stile classico con trifore. La pala più importante è quella di Francesco Morone, il pittore veronese più illustre del sec. XVI.
Oltre alle numerose opere d’arte è da vedere il maestoso e bellissimo organo costruito nel 1889 dall’inglese Giorgio Trice. La potenza solenne del suo suono fa sì che nella chiesa si tengano spesso concerti di musica sacra.

Palazzo di Giustizia.

Questo singolare edificio è sito in piazza dell’Antenna. Edificato nel 1375, si presenta con una loggia a quattro portoni ad arco acuto e con finestre ogivali. Oggi ospita una bellissima enoteca.

Palazzo Scaligero o del Capitano.

Questo bel palazzo, che conserva tutt’oggi la sua pianta originale risalente al sec. XIV, ora è sede del Comune. Si chiama anche “palazzo del Capitano” perchè ospitava, durante la Serenissima, i Capitani, che erano la massima autorità locale.

Parco Baccio Zanella.

Il parco, attiguo al palazzo del Capitano, si estende lungo un pendio collinare e occupa una superficie di circa 7.300 mq.
L’accesso da via Camuzzoni conduce ad un primo livello, dove si può ancora ammirare l’accogliente giardino all’italiana. È possibile attraversare i diversi piani terrazzati passando per una lunga e suggestiva scalinata che porta al Castello Scaligero.
Da questa si può anche percorrere il breve sentiero che porta alla torre, dalla quale inizia il camminamento sopra le mura. Il panorama che si gode da lassù è davvero emozionante.

Il Castello Scaligero di Soave.

Questo Castello è un tipico manufatto militare del Medioevo e rappresenta uno dei migliori esempi di struttura castellana del Veneto. Troverete le testimonianze della sua lunga storia, lastricata di contese feudatarie, lotte, fazioni, invasioni barbariche, supremazie e disfatte, visitando le sue stanze e cortili interni, perfettamente conservati. Scoprirete un luogo in cui il tempo si è fermato.
Per informazioni e orari di apertura sempre aggiornati cliccate qui.

Eventi e cosa fare a Soave.

Strada del Soave: degustazione vino e visita alle cantine.

La Strada del vino Soave nasce nel 1999: un percorso di circa 50 Km lungo il quale è possibile ammirare il paesaggio, visitare cantine, degustare vino, assaggiare piatti tipici negli agriturismi. Sono tredici i comuni che attraversa, dislocati in quattro stupende valli che per le loro diverse attrattive meritano sicuramente una visita. Partendo da Verona si trovano in ordine Val di Mezzane, Val d’Illasi, Val Tramigna e Val d’Alpone. Per ulteriori info cliccate qui.

Trekking sulla “Vecia via della lana”.

L’Antica via della Lana è un itinerario immerso nel verde delle colline coltivate a viti, ulivi e ciliegi, che si snoda sulla dorsale est dei Monti Lessini. Rievoca il vecchio percorso della lana: un sentiero utilizzato fin dall’antichità per trasportare la lana grezza negli stabilimenti delle vicine vallate per poi ritornare con matasse di prodotto da lavorare ai ferri. Oggi è un ideale percorso per gli appassionati di cicloturismo, escursionismo e turismo equestre che sale da Soave e raggiunge San Bortolo (frazione del comune di Selva di Progno). In totale si tratta di un itinerario di circa 48 chilometri, che attraversa i Comuni di Soave, Cazzano, Illasi, Tregnago, Badia Calavena e Selva di Progno. Per ulteriori info sul percorso cliccate qui.   

Festa dell’uva.

Ideata nel 1929, è stata in assoluto la prima del genere in tutta Italia. La manifestazione si caratterizza per l’elevata qualità degli eventi, sia culturali che folcloristici, che si prefiggono l’esaltazione della Garganega, l’uva regina e tesoro di Soave. Si svolge ogni anno nel mese di settembre.

Se volete conoscere l’elenco completo degli eventi che si tengono a Soave cliccate qui.

Come arrivare a Soave.

In auto.
Soave è situata tra Verona e Vicenza, sull’autostrada A4 Milano-Venezia. Si esce al casello autostradale di Soave-San Bonifacio, appena usciti si svolta a destra e dopo 50 metri ancora a destra. Troverete subito il cartello di Soave il cui centro dista 1 km.

In treno.
La stazione ferroviaria più vicina si trova a San Bonifacio (distanza km 4 da Soave), sulla linea ferroviaria Milano-Venezia. Accertatevi che il treno fermi a San Bonifacio. Oppure potete scendere alla stazione Verona – Porta Nuova e da lì prendere l’autobus per San Bonifacio.

In aereo.
L’aeroporto più vicino è quello di Verona-Villafranca (distanza da Soave km 25).

In autobus.
La stazione di partenza degli autobus si trova di fronte alla Stazione Ferroviaria di Verona-Porta Nuova. Prendete l’autobus per San Bonifacio e scendete in centro a Soave (la fermata è di fronte all’Hotel Roxy Plaza).

Soave è il borgo ideale per soddisfare vista e palato, immergendosi in secoli di storia.
Alla prossima cari Outdoors!

Silvia Turazza – Redazione Garda Outdoors

foto drone di www.jtdrone.com

Dove dormire – Dove mangiare – Experience sul Lago di Garda.

Sul Lago di Garda ci sono tantissime strutture nelle quali soggiornare, dai piccoli e curati B&B fino ai resort con centri wellness e servizi beauty. Nella sezione dedicata a dove dormire trovate tutte le informazioni per cercare l’alloggio a voi più congeniale.

Lo stesso discorso vale per dove mangiare, a questo link trovate la nostra selezione di ristoranti. Ricordandovi che tutto il Lago di Garda e le sue città offrono diversi ristoranti stellati e la qualità della proposta culinaria è molto alta.

Sono molteplici le attività e le esperienze da poter fare sul Lago di Garda, per questo vi consigliamo di visitare la sezione dedicata alle esperienze sul nostro magazine cliccando qui.

Silvia Turazza

Secondo l’arte dell’onomanzia, il significato del mio nome è così descritto: “vive nei boschi, silvestre e selvaggia”. A volte il fato conosce la strada prima di te, e ti forgia con le esperienze più affini. Vivo del cuore del Garda a Castelletto di Brenzone. Appassionata di trekking, fotografia e scrittura, che unisco in piccole avventure. Se mi cercate, mi trovate nel bosco vista lago... con i miei Roberto e Gea.

Condividi l'articolo: