Balòt tacà via.
Balòt tacà via.

Balòt tacà via” significa in dialetto veneto “grande masso appeso”. Ed è proprio questo che il percorso trekking che vi proponiamo vi porterà a vedere: un enorme masso arrotondato che franando da monte è rimasto incastrato e sospeso tra le strette pareti rocciose della forra che lo ospita da tempo immemore.

Balòt tacà via. Video di JTDrone Technologies s.r.l.

Da dove si parte e dove si parcheggia per vedere il Balòt tacà via sul Lago di Garda?

Dalla strada gardesana SR429 si arriva alla grande rotonda di Assenza di Brenzone (VR). Da lì salite verso Sommavilla. Dopo un paio di curve, sulla destra, troverete un parcheggio per auto e moto (attenzione ha le strisce blu, dovete pagare la tariffa oraria nell’apposita colonnina che rilascia lo scontrino). Pochi metri più avanti troverete la scala in cemento da cui parte il sentiero per il Balòt tacà via, ben segnalata da un cartello informativo.

Quanto è lungo il percorso per raggiungere il Balòt tacà via sul Lago di Garda?

Il sentiero è lungo poco più di 1 km con un dislivello, in salita all’andata, di 241 metri. Benchè la distanza non sia molta, il tempo di percorrenza è attorno ai 50 minuti in quanto da circa metà strada in poi si abbandona la mulattiera in mezzo a bellissimi oliveti per camminare all’interno della Val del Torrente: una profonda e stretta forra con alte pareti di roccia calcarea scavate e levigate dall’erosione del ripido torrente proveniente dalla soprastante Valle degli Ossi.

Quando posso andare al Balòt tacà via sul Lago di Garda?

Il percorso è fruibile e bellissimo in tutte le stagioni. Attenzione a non andare dopo forti piogge perché potrebbe essere allagato, trovandosi in buona parte sul greto di un torrente che può riempirsi per far defluire l’accumulo di acqua piovana.

È adatto ai bambini e a chi possiede cani il percorso del Balòt tacà via sul Lago di Garda?

Il sentiero è adatto a famiglie con bambini e pure ai cani. Segnalo però che a metà percorso si trova una scala verticale con 5 pioli in ferro per superare un dislivello di circa due metri e mezzo e che l’ultima parte del percorso ha qualche passaggio fra grossi massi. I bambini molto piccoli devono essere accompagnati. I cani di piccola taglia possono essere tranquillamente presi in braccio e per quelli di grossa taglia uno sforzo in più, purchè si resti in sicurezza!

Concludo raccomandandovi caldamente questo bel trekking immerso nella maestosità della natura. Vi abbandonerete a osservare l’opulenza della vegetazione spontanea che vi accompagnerà lungo il percorso fino a perdere la testa verso l’altezza delle pareti rocciose che vi farà sentire piccoli piccoli. Personalmente per qualche istante mi è sembrato di essere dentro al set di Jurassic Park con la sensazione che all’improvviso avrei potuto sentire il fruscio di un Pterodattilo volare sopra di me o lo sguardo curioso di un Triceratopo ruminare l’erba. Indubbiamente nel mio sogno il T-Rex era in un’altra vallata molto lontana!

Alla prossima avventura cari Outdoors!

Silvia Turazza – Redazione Garda Outdoors

LASCIA UNA RISPOSTA

Per favore inserisci il tuo commendo
Per favore inserisci il tuo nome qui