“Amore? Avvicinati a me un istante”

“Prima ti do un bacio”, smack, “ora dimmi”

“Stasera ti porto a vedere un dipinto”

“Wow! Davvero? Ma dove? I musei saranno già tutti chiusi”

“Non il nostro…”

Dove scovare i migliori tramonti del Lago di Garda e del suo entroterra.

Complesso approcciare questo argomento senza fare una premessa.

Dobbiamo prima pensare a due categorie di tramonti: quello “comodo” facilmente raggiungibile in auto o con una semplice camminata, e quello “guadagnato” con un bel trekking panoramico.

Non solo, dovremo tenere conto che il territorio gardesano da sud a nord è parecchio mutevole. Più si sale, più diventa una sorta di fiordo incastonato fra le montagne.

sud il sole bacia l’orizzonte infuocando il cielo e il riflesso sull’acqua, le città e le campagne, a nord invece tramonta dietro le montagne sparando lame di luce dallo skyline che colorano le nuvole fra mille giochi e sfumature.

Perciò la lista che stilerò sarà suddivisa in termini di facilità di raggiungimento del luogo designato con le specifiche di ogni tipologia di ambiente/orizzonte.

Dove scovare i migliori tramonti del Lago di Garda e del suo entroterra.
Tramonto autunnale sul fiume Sarca, immissario del Lago di Garda.

TRAMONTI IN LUOGHI ROMANTICI E COMODI DA RAGGIUNGERE

In questo capitolo parte un inconscio tifo per le coppie vestite di tutto punto che desiderano trascorrere un momento magico. 

Sento arrivare un sospiro di sollievo dai piedi con tacchi a spillo, dai talloni rosicchiati dentro a mocassini eleganti, dall’ombretto che non si sciupa in goccioline di sudore, da un cernecchio sventolato dalla brezza.

Iniziamo con la lista: 

  • Jamaica beach a Sirmione. Una bella camminata per il centro di questo paese vi porterà in questo luogo di incomparabile bellezza. Una spiaggia di rocce lisce per delle foto piene di riflessi a filo d’acqua, che faranno finta di non ascoltarvi. 😉
  • Porfina beach a Riva del Garda. Una prospettiva unica nel suo genere. Osservando il lago verso sud vedrete le montagne della riva est ed ovest quasi abbracciarsi. Vedrete la sponda bresciana col sole che tramonta dietro le sue montagne e quella veronese illuminata dagli ultimi raggi che infuocano il Monte Baldo.
  • Le “Torricelle” a Verona. Salendo in macchina fino a Castel San Pietro potrete godere di un tramonto sull’intera città e sull’ansa del fiume Adige. Imperdibile!
  • Crociera sui laghi mantovani e il fiume Mincio. Ninfee e fiori di Loto illuminati da un cerchio di fuoco che delinea lo skyline urbano della città di Mantova. Suggestivo percorso per rilassarsi cullati dall’acqua.

TRAMONTI IN PUNTI PANORAMICI RAGGIUNGIBILI CON UNA CAMMINATA TREKKING

C’è poco da dire, i panorami guadagnati a suon di polpacci scarpinanti hanno un gusto eccelso: quello del sorriso che ci si stampa sul viso quando arriviamo alla meta.

Ed ecco qui la lista per gli avventurieri:

  • Monte Altissimo di Nago. Dopo un bel trekking arriverete a un panorama da pelle d’oca che merita di essere amato in ogni ora del giorno e in ogni stagione. Il sole tramonterà in piena magnificenza di fronte a voi, dietro le montagne della sponda bresciana.
  • Cima Larici. Una volta arrivati vi verrà voglia di cantare Mina a squarciagola, di alzare il dito medio all’orizzonte, di ballare sulla punta di questo sperone di roccia che apre la vista all’azzurro del lago e del cielo. Il sole tramonterà dal vostro lato (ci troviamo sulla costa ovest) irradiando le montagne.
  • Rocca di Garda. Un sentiero in mezzo al bosco vi porterà sopra il paese di Garda per ammirare il suo caratteristico golfo. Qui l’orizzonte si abbassa e il sole tramonterà di fronte a voi dando spettacolo!
  • Monte Pizzocolo. Per un panorama a 360° sul Basso Garda che vi lascerà incantati!

Resta pacifico che il tramonto è indimenticabile ovunque: dalla ciclo-pedonale fra Garda e Bardolino e fra Brenzone e Malcesine/Navene, dall’altopiano della Lessinia, dai vigneti della Valpolicella, dal castello di Brescia e chi più ne ha più ne metta.

Ovunque andrete, di questa cosa potrete essere certi: non ne avrete mai abbastanza!

Noi della Redazione restiamo a disposizione per ulteriori informazioni o approfondimenti. Scrivete pure le vostre domande nei commenti qui sotto. Grazie per la lettura!

Silvia Turazza – Redazione Garda Outdoors

Cima Larici: https://www.garda-outdoors.com/bocca-larici-e-cima-larici/

Silvia Turazza – Redazione Garda Outdoors

Cima Larici: https://www.garda-outdoors.com/bocca-larici-e-cima-larici/

Articolo precedenteCosa fare ad agosto sul Lago di Garda
Articolo successivoLago di Garda: cosa vedere in 7 giorni
Silvia Turazza
Secondo l’arte dell’onomanzia, il significato del mio nome è così descritto: “vive nei boschi, silvestre e selvaggia”. A volte il fato conosce la tua strada prima di te, e ti forgia con le esperienze più affini. Casa base a Verona, casa del cuore a Castelletto di Brenzone. Appassionata di trekking, fotografia e scrittura, che unisco in piccole avventure. Amo poi raccontarle filtrandole con i miei occhi ed il mio sentire, nel modo più vivido e pulsante che mi appartiene. Se mi cercate, mi trovate nel bosco vista lago.

2 COMMENTI

  1. “Amore? Avvicinati a me un istante” “sai che paese è quello?” “No” “Limone e adesso te ne do uno” “slurp”

LASCIA UNA RISPOSTA

Per favore inserisci il tuo commendo
Per favore inserisci il tuo nome qui