Sommacampagna (Verona), un paese situato a pochi chilometri da Verona, il 29 e 30 luglio ospiterà “Circus Fest” uno degli appuntamenti più originali dell’estate gardesana.

L’Associazione culturale “ (E)Vento tra i salici” porta in scena un festival a tema ispirato all’immagine del circo anni ’30, sorretto da uno spirito sociale nato dopo l’abolizione dello sfruttamento degli animali che dà importanza al ruolo delle tecniche circensi nell’educazione.

Arte social-ambulante, divertimento, musica di circo-stanza e solidarietà saranno i protagonisti di “Circus Fest”, insieme alla volontà di far conoscere il territorio veronese nei suoi aspetti più rurali e di fare beneficenza nel senso più autentico del termine. Parte del ricavato, infatti, verrà donato ad ABEO (associazione bambino emopatico oncologico).

L’occasione è quella di fare del bene attraverso intensi momenti di confronto, scambio e dialogo, dove i giovani possono allontanarsi per un po’ dalla realtà virtuale di tutti i giorni dedicandosi al contatto diretto con i propri coetanei.

In soli 2 giorni il ricco calendario di “Circus Fest” si distribuirà su oltre 2000 metri quadrati di spazi, 800 dei quali al coperto per garantire lo svolgimento dell’evento anche in caso di maltempo e proporrà alcune fra le band “underground” più in voga del panorama italiano. I momenti dedicati alla musica saranno dalle 20 alle 24 di venerdì e sabato, anticipando l’after party danzante che durerà fino a notte fonda.

Oltre agli spettacoli più puramente legati al mondo circense, gli ospiti potranno godere dell’enogastronomia offerta dai caratteristici foodtruck, che allieteranno i palati di onnivori, vegani e vegetariani grazie ad innumerevoli proposte culinarie . I più desiderosi di sperimentare e conoscere, potranno partecipare liberamente a workshop di ogni tipo, acquistare oggetti d’artigianato direttamente dalle bancarelle del mercatino e godere delle mostre d’arte itineranti o fisse di progetti inediti ideati per l’occasione.

Se proprio sarete stanchi e affaticati dalla dura settimana lavorativa appena trascorsa, potrete cercare la “Relax zone”, magari facendovi accompagnare da un buon drink procurato presso l’ “Officina degli angeli”. Qui avrete l’occasione di accomodarvi su allestimenti costruiti in collaborazione con altre associazioni utilizzando materiali di recupero. Ogni singolo pezzo non adattabile all’edizione dell’anno successivo verrà messo in vendita in un apposito evento e i ricavati andranno a finanziare il festival dell’anno seguente.

Gli organizzatori suggeriscono di prendere contatti per avere tutte le informazioni riguardanti l’iniziativa anche tramite la loro pagina Facebook (www.facebook.com/EVentotraisalici), sulla quale vengono costantemente pubblicati gli aggiornamenti e le novità di “Circus Fest”.

 

Luca Sgarro